Capitolo 21

Capitolo 21

L’opera dello Spirito Santo vi ha ora condotto in un nuovo cielo e in una nuova terra. Tutto si rinnova, tutto è nelle Mie mani, tutto ricomincia! Le persone sono incapaci di comprenderlo con le loro nozioni e ciò per loro non ha senso, ma sono Io che sono all’opera e in essa vi è la Mia saggezza. Pertanto, dovreste occuparvi soltanto di abbandonare tutte le vostre nozioni e opinioni, nonché di nutrirvi della parola di Dio nella sottomissione, senza dubbi di alcun genere. Poiché sto operando in questo modo, Mi assumo una responsabilità sacra. Infatti le persone non hanno bisogno di essere in un certo modo; piuttosto è Dio che compie cose prodigiose, rendendo manifesta la Sua onnipotenza. Le persone non possono vantarsi, a meno che non si vantino di Dio. In caso contrario, subirai una perdita. Dio solleva i bisognosi dalla polvere; gli umili devono essere elevati. Userò la Mia saggezza in tutte le sue forme per governare la Chiesa universale, per governare tutte le nazioni e tutti i popoli, in modo che siano tutti in Me e che tutti voi nella Chiesa possiate sottomettervi a Me. Coloro che non hanno obbedito prima, ora devono essere obbedienti dinanzi a Me, devono sottomettersi gli uni agli altri, tollerarsi reciprocamente; le vostre vite devono essere interconnesse e voi dovete amarvi l’un l’altro, attingendo ai reciproci punti di forza per compensare le vostre debolezze, coordinandovi nel servire. In tal modo la Chiesa verrà costruita e Satana non avrà alcuna opportunità di approfittarne. Soltanto allora il Mio piano di gestione non avrà fallito. Lasciate che vi offra qui un altro promemoria. Non permettere che emergano in te delle incomprensioni perché il tal dei tali si comporta in una certa maniera o ha agito in questo e quel modo, altrimenti assumerai la condizione spirituale di un degenerato. Ritengo che sia inappropriato e inutile. L’Unico in cui credi non è Dio? Non è una persona. Le funzioni non sono le stesse. Esiste un unico corpo. Ognuno compie il proprio dovere, ognuno al proprio posto e intento a fare del proprio meglio – per ogni scintilla c’è un lampo di luce – e a ricercare la maturità nella vita. Così Io sarò sodisfatto.

Dovete preoccuparvi solo di essere sereni dinanzi a Me. Rimanete in stretta comunione con Me, cercate di più laddove non comprendete, offrite preghiere e attendete il Mio tempo. Osserva tutto con chiarezza dallo spirito. Non agire avventatamente, in modo da impedire a te stesso di smarrirti. Solo così il tuo nutrirti delle Mie parole porterà veramente frutto. Nutriti spesso delle Mie parole, rifletti su quello che ho detto, bada a praticare le Mie parole e vivine la realtà, poiché la questione chiave è questa. Il processo di costruzione della Chiesa è anche il processo di crescita della vita. Se la tua vita smette di crescere, non puoi essere innalzato. Se ti affidi alla naturalezza, alla carne, all’essere zelante, ai contributi, alle qualifiche, per quanto bravo tu possa essere, non sarai innalzato. Devi vivere nelle parole di vita, vivere nella rivelazione e nell’illuminazione dello Spirito Santo, conoscere la tua situazione attuale ed essere una persona trasformata. Devi avere la stessa intuizione nello spirito, possedere una nuova illuminazione ed essere capace di mantenerti al passo con la nuova luce. Devi essere in grado di avvicinarti continuamente a Me e di comunicare con Me, basare le tue azioni quotidiane sulle Mie parole, gestire in modo adeguato ogni genere di persona, evento e cosa secondo le Mie parole, facendo delle Mie parole il tuo modello e vivendo la Mia indole in tutte le attività della tua vita.

Se desideri sondare la Mia volontà e curarti di essa, devi prestare attenzione alle Mie parole. Non agire in maniera sconsiderata. Tutto ciò che non approvo avrà un esito negativo. La benedizione è presente solo in quello che ho raccomandato. Se parlo, accadrà. Se ordino, resterà saldo. Per non suscitare la Mia collera, non dovete assolutamente fare quello che non ho permesso. Se lo farete, non avrete tempo di provare rimorso!

Capitolo 21