I segreti che si celano dietro la ricerca

Li Li Città di Dezhou, Provincia di Shandong

Non molto tempo fa, sono stata eletta capo di livello medio dai miei fratelli e sorelle. Un giorno, mentre ero in riunione con i miei colleghi, non potei fare a meno di pensare tra me: “Devo fare bene. Se il mio rendimento fosse scarso, come mi considererebbero i miei capi e i miei colleghi?” Di conseguenza, quando discutevamo insieme un argomento, purché avessi anche solo una scarsa conoscenza dell’argomento, cercavo di essere la prima a dire qualcosa; tuttavia, quando non avevo alcuna conoscenza dell’argomento in questione e non riuscivo a dire nulla, cominciavo a diventare ansiosa. Durante quei pochi giorni di incontri, mi sentii molto stanca e soprattutto ansiosa, come se fossi in un’arena di combattimento. In seguito, rimuginai su ciò che avevo rivelato e mi resi conto che quel tipo di situazione dipendeva semplicemente dalla mia vanità e che non c’era alcun vero problema.

Poi, un giorno, i capi mi dissero che avrebbe avuto luogo una riunione. Mi sentii particolarmente emozionata quando seppi che sarebbero stati i capi di livello superiore a convocare la riunione, e pensai: Sembra che riceverò ulteriore formazione. Se mi comporterò bene e farò una buona impressione, forse verrò promossa e, quando la mia responsabilità aumenterà, allora non solo i miei colleghi, ma anche i miei fratelli e le mie sorelle mi ammireranno. Perciò, durante la riunione, parlai con grande esitazione, temendo che ogni parola inadeguata avrebbe lasciato un’impressione negativa nei miei capi. Quando, alla fine, la riunione terminò, mi sentii euforica, anche se ero stata ansiosa e stanca nei giorni precedenti, e sentii che il futuro era molto promettente. Da quel momento in poi, la mia “ricerca” acquisì una forza sempre maggiore.

Un giorno, lessi il seguente passo di un sermone: “Capire la nostra essenza corrotta prima di poter intraprendere il retto cammino della fede in Dio”, di cui ho capito che c’è questo da dire: “In passato, quando le persone cercavano di conoscere se stesse, prestavano attenzione solo alle trasgressioni che avevano commesso o alle corruzioni che avevano manifestato, ma tralasciavano di esaminare ogni loro parola e azione per vedere quali fossero le corruzioni di Satana, quali i veleni del gran dragone rosso, quali le fantasie e concezioni dell’umanità e quali le falsità e le deviazioni. Oltre a queste cose, le persone devono anche esaminare le proprie attitudini e i propri stati interiori, afferrare le cose nascoste nella profondità del proprio cuore e venire al cospetto di Dio, per percepire tali cose utilizzando la verità. Solo allora una persona può conoscere la realtà della propria corruzione e vedere il problema della propria essenza corrotta. Solo perché una persona non ha commesso grandi trasgressioni non significa che non ci siano problemi nel profondo del suo cuore. Malizia, indoli e problemi nascosti nella sua natura sono perfino più difficili da risolvere. Una lieve malattia non può ammazzare una persona; solo le malattie gravi uccidono” (La condivisione del Fratello). Dopo aver letto questo, non potei fare a meno di pensare alle mie reazioni psicologiche durante i due precedenti incontri, e interiormente pensavo: “Quale natura le dominava?” A quel punto, iniziai a cercare le verità che meglio calzavano alla mia situazione, in modo da poterla esaminare e sviscerare.

Sotto la guida di Dio, vidi la parola di Dio: “Ci sono persone che idolatrano particolarmente Paolo: amano tenere discorsi e operare all’esterno. Amano riunirsi; gli piace quando la gente le ascolta, le adora e le circonda. Amano quando le persone attribuiscono loro un certo prestigio nelle loro menti e apprezzano quando gli altri tengono in gran conto la loro immagine. Analizziamo la loro natura da questi comportamenti: quale tipo possiede un individuo che ha simili comportamenti? Se questo individuo si comporta realmente così, allora ciò è sufficiente a dimostrare che si tratta di una persona arrogante e presuntuosa, che non venera affatto Dio, che ricerca uno status elevato e che desidera esercitare l’autorità sugli altri, impadronirsi di loro, avere una posizione di prestigio nelle loro menti. Ciò che emerge della sua natura sono l’arroganza e la presunzione, la riluttanza a venerare Dio e il desiderio di essere oggetto dell’adorazione altrui. Questa è la classica immagine di Satana. Puoi cogliere con chiarezza la sua natura da questi comportamenti” (“Come conoscere la natura umana” in Registrazione dei discorsi di Cristo). Cercai ripetutamente di capire tutte le parole di Dio e di confrontarle con i miei pensieri, parole e azioni; solo allora vidi la verità. Il motivo per cui ero particolarmente nervosa e controllata durante l’incontro non era forse per far sì che gli altri mi prestassero attenzione o mi attribuissero valore? Non era solo per ottenere uno status più elevato e per far sì che più persone mi guardassero? Quando sentivo che i capi avevano un’alta considerazione di me, pensavo che il mio futuro fosse pieno di promesse e mi sentivo ancora più compiaciuta e piena di energie. Da ciò compresi la natura della mia arroganza: volevo sempre stare più in alto, esercitare potere sulla gente, avere un posto nei cuori delle persone; cercavo la stessa cosa di Paolo. In sostanza, non cercavo di adorare o soddisfare Dio, ma di utilizzare lo status dato da Dio per soddisfare i miei desideri e le mie ambizioni. Non era esattamente così che l’arcangelo aveva rivelato la sua arroganza? Non avevo intrapreso il cammino dell’anticristo?

In precedenza, quando partecipavo alle riunioni, ero facilmente preda della tensione, ma pensavo solo di essere troppo vanitosa e non cercavo di sviscerare che cosa vi soggiacesse. A seguito di un’attenta analisi compresi che ciò era causato da una natura arrogante e presuntuosa, cui soggiacevano trame personali e arroganti ambizioni. Ero dominata dalla mia arroganza e facevo molto contro Dio: mi davo un gran da fare a svolgere il mio dovere e volevo disperatamente esprimermi in modo tale da acquisire uno status più elevato e ottenere l’ammirazione dei miei fratelli e delle mie sorelle; quando mi mettevo a nudo davanti ai miei fratelli e sorelle, non analizzavo mai veramente le cose nascoste in profondità, ma parlavo dei miei atti esteriori per esaltarmi e rendere testimonianza a me stessa; quando mangiavo e bevevo la parola di Dio, non era per accrescere la mia comprensione o ricevere la verità, ma per mettermi in mostra davanti ai miei fratelli e le mie sorelle. … Pensando a questo, feci una smorfia: non stavo servendo Dio, ero completamente presa dai miei affari e opponevo resistenza a Dio. Ora, se Dio non mi avesse permesso di rendermi conto della mia natura arrogante e di vedere l’ambizione e l’impurità dietro la mia entusiastica ricerca e che mi trovavo sul cammino sbagliato, sarei andata avanti con i miei modi arroganti e avrei potuto continuare a compiere malvagità che si oppongono a Dio e Lo tradiscono e, quindi, essere soggetta alla punizione di Dio.

Ringrazio Dio per la sua tempestiva illuminazione e guida, che mi hanno portato a riconoscere la sostanza della mia natura arrogante e mi hanno permesso di vedere che stavo intraprendendo la via dell’anticristo; questa esperienza mi ha particolarmente fatto rendere conto che, nella mia esperienza, non solo dovrei prestare attenzione a riconoscere le mie rivelazioni e trasgressioni, ma a confrontarle con la verità e ad analizzare le cose nascoste nel profondo per avere una migliore comprensione della mia stessa natura e apportare cambiamenti alla mia indole. In futuro, vorrei sviscerare con attenzione il mio stato d’animo e la mia condizione interiore, capire la mia essenza corrotta e cercare di pormi sul giusto cammino verso la salvezza di Dio.

Contenuti correlati

  • C’è un modo per risolvere l’arroganza

    Xiaochen Città di Zhengzhou, Provincia di Henan L’arroganza è il mio difetto principale. Ero solita rivelare frequentemente la mia indole arrogante…

  • Il giudizio è la luce

    Mi chiamo Zhao Xia. Sono nata in una famiglia normale. A causa dell’influenza di detti come “Un’oca selvatica lascia dietro di sé una voce, un uomo lascia dietro di sé una reputazione” e “Un albero passa la vita con la sua corteccia,

  • Una rinascita

    Sono nato in una famiglia rurale impoverita e di mentalità arretrata. Fin dalla giovane età ero presuntuoso, e il mio desiderio di prestigio era particolarmente intenso. Col tempo, tramite l’influenza sociale e un’educazione tradizionale, accolsi nel mio cuore ogni sorta di regole sataniche per la sopravvivenza.

  • Mettersi sul cammino della fede in Dio

    Ho bisogno di metterci un maggiore impegno. Così, quando la casa di Dio mi dette da trascrivere dei documenti, reagii in modo attivo. Non ebbi paura delle difficoltà e decisi di non trovare un partner o un lavoro, così da meritarmi la benedizione di essere un primogenito.