Chi è l’ostacolo sulla strada verso il Regno dei Cieli?

di Meng’ai, Malesia

L’anno in cui è morto mio marito ero nel profondo della disperazione e, per di più, gravata dall’ulteriore fardello di dover crescere i miei figli. La disgrazia aveva all’improvviso colpito la mia vita, ma ho avuto sempre con me l’amore del Signore e, con l’aiuto dei miei fratelli e sorelle, ho superato quel periodo difficile. Per ricambiare l’amore del Signore, ho continuato a fare donazioni e a servire la Chiesa e lo sto facendo da più di trent’anni. In questo periodo ho assistito a una fioritura della Chiesa e al magnifico evento della diffusione del Vangelo del Signore Gesù. Ma ho anche visto desolazione e impotenza nella Chiesa. Ho ripensato a quando lo Spirito Santo cominciò a svolgere la grande opera all’interno della Chiesa, quando noi provavamo gioia e guadagnavamo molto dall’ascolto della predicazione del pastore. C’era amore reciproco tra fratelli e sorelle, proprio come se fossimo tutti una famiglia, ed eravamo uniti nel diffondere il Vangelo e nel rendere testimonianza al Signore. In seguito, senza sapere cosa fosse successo, non c’era più luce in quel che il pastore predicava. Era come se fosse la solita vecchia storia ripetuta più volte e i credenti, semplicemente, non ne traevano alcun nutrimento. La loro fede e il loro amore si sono affievoliti a poco a poco, e alle riunioni partecipavano sempre meno persone. Quelli di noi che prendevano parte al servizio religioso si limitavano a svolgere i loro compiti come semplice routine. Tutti noi agivamo secondo i desideri delle persone nel ministero e niente affatto al servizio di Dio; piuttosto, ci adoperavamo di fronte alle altre persone e cercavamo di compiacerle. Sapevo che quel tipo di servizio non era in accordo con la volontà di Dio, quindi per me era molto penoso. E poi mi sentivo impotente, senza avere idea di come percorrere il cammino avanti a me. Di conseguenza speravo tanto più che il ritorno del Signore avvenisse il prima possible, così che tutti quei problemi si sarebbero risolti.

Proprio quando non sapevo più cosa fare, nel 2016 ho studiato a fondo l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni. Ho letto molto della parola di Dio Onnipotente e ho ascoltato quel che condividevano i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente e ciò che testimoniavano, e alla fine ho capito che il Signore Gesù Si è incarnato da tempo ed è venuto nel mondo per esprimere le Sue parole e compiere l’opera di giudizio degli ultimi giorni a cominciare dalla casa di Dio, e sta facendo tutto questo per purificare completamente e salvare l’umanità e condurla nel Regno dei Cieli. La parola di Dio Onnipotente mi ha chiarito il mistero del ritorno del Signore sul quale avevo riflettuto per tanti anni. Ho capito che il ritorno del Signore si divideva nelle due forme dell’avvento segreto e della venuta pubblica. Il Signore prima Si incarna come il Figlio dell’uomo in occasione dell’avvento segreto per esprimere le Sue parole, per giudicare e purificare l’uomo e per creare un gruppo di vincitori prima delle catastrofi. Quando arriveranno le grandi catastrofi, Egli ricompenserà i buoni e punirà i malvagi e verrà pubblicamente, manifestandoSi a tutti popoli e a tutte le nazioni. A quel punto, l’opera di Dio incarnato in occasione dell’avvento segreto si sarà già conclusa, e tutti coloro che avversano e condannano l’opera di Dio negli ultimi giorni subiranno le catastrofi con pianto e stridore di denti. I fratelli e le sorelle hanno condiviso con me anche verità quali le tre fasi dell’opera di Dio per salvare l’umanità, il significato dell’incarnazione di Dio e il modo in cui Egli compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni. Inoltre ho capito come mai prima, nel servire la Chiesa, non avevamo avuto la guida di Dio, e perché non c’era alcun percorso da seguire per noi nel leggere le Scritture, nella preghiera e nello studio della Bibbia. Ho capito perché non avevamo sentito la presenza dello Spirito Santo. Dio aveva già compiuto nuova opera, concluso l’Età della Grazia e messo in atto l’Età del Regno. Lo Spirito Santo non stava più operando all’interno delle Chiese dell’Età della Grazia, perciò gli spiriti delle persone avevano perso luce e vigore, ormai privi di qualsiasi gioia o soddisfazione, e non riuscivano a ottenere alcun nutrimento nella loro vita spirituale. È stato grazie alla guida e alla direzione di Dio se sono stata in grado di riconoscere la Sua voce nella parola di Dio Onnipotente e ho accettato con gioia l’opera di Dio negli ultimi giorni. Dopo questo, i fratelli e le sorelle condividevano spesso con me online la parola di Dio Onnipotente. Guardare i film, i video di danze corali e i video musicali prodotti dalla Chiesa di Dio Onnipotente è stato per me fonte di grande sostentamento, e ho ringraziato Dio dal profondo del cuore per avermi condotta dinanzi al Suo trono. Ero lieta di essere pasciuta e nutrita dalla parola di Dio, e ho avuto accesso a una vita beata, faccia a faccia con Dio.

Un giorno, la moglie di uno dei pastori della Chiesa mi ha inviato un messaggio inaspettato, dicendo: “Perché hai messo un ‘like’ a un post del Lampo da Levante? Hai anche permesso che fosse pubblicato nella tua cronologia, e questa va contro la volontà di Dio. Se i tuoi parrocchiani vedono il post sul Lampo da Levante e cominciano a interessarsi alle parole di Dio Onnipotente si documenteranno sul Lampo da Levante, e allora noi cosa faremo? Non devi più metterti in contatto con la gente del Lampo da Levante. Dovresti cancellare subito le loro informazioni di contatto…” Ho risposto: “I film evangelici, gli inni e i video musicali della Chiesa di Dio Onnipotente sono tutti molto validi e ne ho tratto grande ispirazione. Dovevo mettere il mio ‘like’!” Volevo inviare altri messaggi alla moglie del pastore, ma prima ancora di aver finito di scrivere il primo, lei mi ha detto molto cose che attaccavano e condannavano Dio Onnipotente e diffamavano la Chiesa di Dio Onnipotente. Ho capito che non aveva alcun desiderio di indagare sulla importante questione del ritorno del Signore, ma solo esprimere qualunque giudizio e commento di biasimo che le sembrava opportuno. Non volevo più parlarne con lei, così ho cambiato subito argomento.

Alcuni giorni dopo, il pastore Yang è venuto a cercarmi per scambiare quattro chiacchiere. Dopo i convenevoli, il pastore Yang mi ha chiesto: “Hai esaminato qualche altro gruppo religioso online?” Non sapevo perché il pastore Yang mi avesse fatto quella domanda, e ho detto: “I miei amici su Facebook appartengono a molte confessioni diverse, e se ritengo che gli articoli che postano siano corretti e validi, cerco sempre di comprenderli e di vedere se in essi c’è una nuova luce. Mi stai dicendo che è sbagliato?” Il pastore Yang mi ha chiesto ancora: “Ti sei convertita al Lampo da Levante due anni fa? Perché vuoi indagare il Lampo da Levante? Inoltre, vai spesso a cercare una certa persona (una sorella che aveva accettato l’opera di Dio negli ultimi giorni, le cui immagini erano state postate e che era stata condannata e abbandonata dal pastore della sua Chiesa di origine)?…” Sentendo questo fuoco di fila di domande da parte del pastore Yang, ho cominciato a infastidirmi e ho detto: “La Chiesa di Dio Onnipotente è valida e al suo interno c’è la verità e l’opera dello Spirito Santo. Seguirò la direzione della verità e dell’opera dello Spirito Santo, e questo è semplicemente corretto. Non c’è nuova luce nella nostra Chiesa e il mio spirito si è oscurato e non riesce a trovarvi alcun conforto. Voglio trovare una Chiesa che abbia l’opera dello Spirito Santo, dove la mia vita possa ricevere il nutrimento della verità. Gli insegnamenti del Lampo da Levante mi interessano e le parole di Dio Onnipotente sono tutte verità. Mi permettono di trovare sostentamento. Non ho sbagliato a indagare il Lampo da Levante, e sono libera di farlo”. Il pastore Yang ha detto: “Quel che le persone del Lampo da Levante predicano va al di là della Bibbia e non esistono altre parole di Dio al di fuori di quelle contenute nella Bibbia. Se ciò che predicano si discosta dalla Bibbia, allora è sbagliato”. Ho risposto: “Una volta ho sentito un predicatore dire la stessa cosa, e anche io ero della stessa opinione. Ma dopo aver letto la parola di Dio Onnipotente, e aver ascoltato le condivisioni dei fratelli e delle sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente, sono arrivata a capire che questa opinione è solo frutto delle nostre nozioni e fantasie. Non è affatto in accordo con la verità e non corrisponde ai fatti. Dio è onnicomprensivo ed è ricco di saggezza. Come possiamo limitare le parole e l’opera di Dio alla sola Bibbia? La Bibbia dice: ‘Ora vi sono ancora molte altre cose che Gesù ha fatte; se si scrivessero a una a una, penso che il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che se ne scriverebbero’ (Giovanni 21:25). Qui possiamo appurare che le parole e l’opera di Dio registrate nella Bibbia hanno una portata troppo limitata. Non tutto ciò che il Signore Gesù ha detto a quel tempo è stato trascritto nelle Bibbia, tanto meno le parole proferite dal Signore ritornato. Per di più, l’opera di Dio Onnipotente è costruita sulle fondamenta gettate dal Signore Gesù. L’opera di Dio Onnipotente e quella del Signore Gesù sono l’opera di un unico Dio…” Il pastore Yang non ha ascoltato una parola di quel che ho detto e non aveva alcun interesse a ricercare e indagare. Ha solo continuato a dire cose che avversavano e condannavano Dio Onnipotente e La Chiesa di Dio Onnipotente e mi ha chiesto: “Come hai saputo del sito della Chiesa di Dio Onnipotente? Hai i loro libri? Hai predicato l’opera di Dio Onnipotente a qualcun altro? L’hai predicata ai tuoi figli? Dammi i nomi delle persone all’interno della Chiesa di Dio Onnipotente…” Ha anche preteso che io non partecipassi più a una riunione con le persone della Chiesa di Dio Onnipotente. Se non gli avessi dato ascolto e avessi mantenuto i contatti con La Chiesa di Dio Onnipotente, allora mi avrebbe espulso dalla Chiesa, non mi avrebbe più permesso di mettere piede in una Chiesa qualsiasi e avrebbe infangato completamente la mia reputazione. Sono rimasta scioccata dal pastore Yang che si presentava in quel momento davanti ai miei occhi: come poteva, lui che era sempre stato così umile e di buon carattere e aveva sempre parlato in modo gentile, trasformarsi in una persona così crudele e irragionevole? Gli ho detto: “Indagare la verità è un mio diritto, e nessuno ha il diritto di impedirmelo. Riguardo al fatto se gli insegnamenti del Lampo da Levante siano o meno la vera via, dovresti innanzitutto evitare di giudicare e condannare alla cieca. Puoi indagare di persona sul sito della Chiesa di Dio Onnipotente, che è ricco di contenuti. C’è ogni genere di libri delle parole di Dio. Verifica di persona se la parola di Dio Onnipotente è la voce del Signore Gesù ritornato…” Il pastore Yang non ha assolutamente voluto ascoltare quel che stavo dicendo, e ha continuato a opporsi e a condannare. Mi ha minacciata, dicendo che dovevo abbandonare La Chiesa di Dio Onnipotente, e più parlava, più lui superava il limite. Ero veramente sdegnata, e ho concluso così: “Il Signore Gesù ha detto: ‘Non giudicate, affinché non siate giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati’ (Matteo 7:1-2). Se non hai mai esaminato le parole e l’opera di Dio Onnipotente, come puoi esprimere liberamente giudizi e commenti di condanna? Agendo in questo modo, veneri forse il Signore?” Il pastore Yang ha capito che non gli davo ascolto e che lo contestavo, così non ha aggiunto altro.

Nei giorni successivi, il pastore Yang ha cominciato a tenermi d’occhio. Questo mi ha preoccupata non poco e ho perso anche la mia libertà di fede. Nella chiesa c’era solo un corridoio che separava l’ufficio del pastore Yang dal mio, e lui non faceva che affacciarsi alla mia porta per vedere cosa stessi facendo, e a volte diceva che andava alla toilette e poi mi osservava dal corridoio. Un giorno, due sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente sono venute nel mio ufficio a scambiare quattro chiacchiere. Dopo che se sono andate, il pastore Yang si è rivolto alla mia assistente che, più tardi, mi ha detto che il pastore le aveva chiesto chi erano quelle due persone e perché fossero venute… Il pastore mi ha sorvegliata per l’intera giornata come se dovesse tenere d’occhio un criminale, facendomi sentire davvero oppressa e priva di ogni libertà. Un giorno che non sono andata alla chiesa, stavo partecipando a una riunione online con alcuni fratelli e sorelle. In quel momento, mentre prendevo scrupolosamente appunti nel mio soggiorno, il pastore Yang è comparso all’improvviso alle mie spalle (la porta era socchiusa, e chiunque sarebbe potuto entrare nella stanza), e ha detto: “Cosa stai facendo? Cosa stai scrivendo?” Sono saltata in piedi spaventata udendo quella voce brusca e inattesa. Ho provato un grande disagio interiore nel venire disturbata in quel modo da lui e per quanto mi sforzassi, non sono riuscita a ritrovare la calma. Nel mio risentimento, ho pensato: “Indagare la vera via nella propria fede in Dio è giusto e doveroso, ed è un diritto che ogni Cristiano dovrebbe avere”. Lo Spirito Santo non stava più operando all’interno della nostra Chiesa, e i parrocchiani erano tutti negativi, demoralizzati e indeboliti nello spirito. Vivevano in un ambiente che era sprofondato nell’oscurità, e io stavo cercando una Chiesa dove lo Spirito Santo fosse all’opera. Come poteva essere sbagliato il cercare i passi di Dio? Perché il pastore voleva tenermi d’occhio? Perché non mi lasciava in pace?

Non c’era solo il pastore a controllarmi e a mettermi in agitazione: persino un anziano mi ha richiamata all’ordine. Mi ha detto: “Quel che le persone della Chiesa di Dio Onnipotente predicano viola la Bibbia. Se tu credi nel Signore, non puoi tradire Colui che ti ha mostrato tanta benevolenza. Non puoi essere priva di una coscienza…” Gli ho risposto per le rime: “Dio Onnipotente e il Signore Gesù sono lo stesso Dio, e di certo non ho tradito il Signore Gesù credendo in Dio Onnipotente. Sto semplicemente seguendo le orme dell’Agnello…” Tuttavia, per quanto cercassi di spiegarlo, l’anziano è rimasto della stessa idea del pastore. Oltre a fare commenti blasfemi e di condanna e a impedirmi di accettare l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni, non ha ascoltato nemmeno una parola di quel che ho condiviso o suggerito. Non volevo più parlare con lui, così ho inventato una scusa per riagganciare. Ma l’anziano non mi ha dato tregua: ha continuato a chiamarmi per tormentarmi, dicendo che con la mia fede in Dio Onnipotente avevo dimenticato la grazia del Signore e Lo avevo tradito. Ho rammentato ciò che è scritto nell’Apocalisse: “Essi sono quelli che seguono l’Agnello dovunque vada” (Apocalisse 14:4). Sulla base dell’opera di redenzione del Signore Gesù, Dio Onnipotente sta compiendo la fase dell’opera del giudicare e purificare le persone tramite le parole, e la mia accettazione dell’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni dimostrava che stavo seguendo le orme dell’Agnello. Come potevano dire che stavo tradendo il Signore Gesù? All’epoca, quando il Signore Gesù è venuto a compiere l’opera, le persone che credevano in Jahvè si sono lasciate dietro la legge e hanno accettato il Vangelo del Regno dei Cieli che Egli ha predicato. Hanno seguito il Signore Gesù, ma avevano forse dimenticato la salvezza di Jahvè? È stato un tradimento nei confronti di Jahvè? Non è errato ragionare in questo modo? Dopo questo episodio, il pastore mi ha inviato ancora altri messaggi online che bestemmiavano, avversavano e condannavano Dio Onnipotente. Leggere quelle parole odiose mi ha riempito nuovamente di rabbia e di disgusto. Soltanto Satana era capace di pronunciare simili blasfemie: in veste di leader nella Chiesa, come mai non avevano alcun timore di Dio e osavano dire ogni sorta di bestemmie? Questo mi ha ricordato le parole del Signore Gesù: “Ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro” (Matteo 12:32). Bestemmiare contro Dio è un peccato grave e terribile! Ero io a provare un persistente senso di paura per conto loro, ma qualunque cosa dicessi, si tappavano le orecchie e si rifiutavano di ascoltare. Continuavano semplicemente a condannare, avversare, bestemmiare. Non riuscivo a capire: l’anziano e il pastore conoscevano entrambi la Bibbia e avevano studiato teologia, e le parole di Dio Onnipotente erano pronunciate con estrema chiarezza. Allora perché non cercavano o esaminavano le Sue parole? Perché si ostinavano a condannare e avversare Dio Onnipotente?

Con questo interrogativo in mente, sono andata a trovare i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente. Sorella Lin ha condiviso con me, dicendo: “Riguardo al perché l’anziano e il pastore non cercano o esaminano l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni, e invece Lo condannano e avversano sfrenatamente, Dio Onnipotente ha da tempo chiarito la sostanza e l’origine di questo problema. Dio Onnipotente dice: ‘Volete sapere il motivo per cui i farisei si opposero a Gesù? Volete conoscere la sostanza dei farisei? Essi erano pieni di fantasie sul Messia. Per di più, credevano soltanto che il Messia sarebbe arrivato, ma non ricercavano la verità della vita. E così, ancora oggi attendono ancora il Messia, perché non conoscono affatto la via della vita e ignorano quale sia la via della verità. Dite, queste persone così stupide, ostinate e ignoranti come potrebbero guadagnarsi la benedizione di Dio? Come potrebbero contemplare il Messia? Resistevano a Gesù perché non conoscevano la direzione dell’opera dello Spirito Santo, ignoravano la via della verità descritta a parole da Gesù, e inoltre non comprendevano il Messia. Dal momento che non avevano mai visto il Messia e non erano mai stati in Sua compagnia, commisero l’errore di tributare un insulso omaggio al nome del Messia, mentre si opponevano alla Sua sostanza con qualsiasi mezzo. Fondamentalmente, questi farisei erano ostinati e arroganti, e disobbedivano alla verità. Il principio della loro fede in Dio è: a prescindere da quanto sia profonda la Tua predicazione e da quanto sia elevata la Tua autorità, Tu non sei il Cristo a meno che Tu non venga chiamato il Messia. Questi punti di vista non sono assurdi e ridicoli?’ (“Nel momento in cui contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”). ‘Basta guardare i capi di ogni confessione – sono tutti arroganti e presuntuosi e interpretano la Bibbia fuori contesto e secondo la loro immaginazione. Fanno tutti affidamento su doni e cultura per svolgere il loro lavoro. Se non fossero capaci di predicare alcunché, quelle persone li seguirebbero? Essi possiedono, dopo tutto, una certa conoscenza, e sanno predicare un po’ di dottrina, o sanno come persuadere altri o come usare certi stratagemmi. Li usano per portare le persone al proprio cospetto e ingannarle. Di nome, queste persone credono in Dio, ma di fatto seguono i loro leader. Se incontrano qualcuno che predica la vera via, alcuni di loro dicono: “Dobbiamo consultare il nostro leader circa la nostra fede”. La loro fede deve essere approvata da un essere umano; non è questo un problema? Che cosa sono diventati, dunque, quei leader? Non sono diventati dei farisei, falsi pastori, anticristo e ostacoli all’accettazione della vera via da parte delle persone? Simili persone sono dello stesso stampo di Paolo’ (“Solo la ricerca della verità è vera fede in Dio” in “Registrazione dei discorsi di Cristo”). Quando il Signore Gesù è venuto la prima volta a compiere la Sua opera, Egli è stato tormentato dalla sfrenata condanna e resistenza dei capi ebrei – i sommi sacerdoti, gli scribi e i farisei. Alla fine hanno crocifisso il Signore Gesù. Gli antenati dei farisei credevano in Dio ed erano esperti di legge. Allora perché avrebbero avversato e condannato il Signore Gesù per poi inchiodarLo sulla corce? Dalla parola di Dio possiamo capire che questo è stato causato dalla loro natura satanica che li faceva essere arroganti, presuntuosi e non sottomessi alla verità. Il Signore Gesù ha espresso tanta verità e loro non l’avevano cercata o indagata, rimanendo invece attaccati alle loro opinioni. La loro fede in Dio si basava solo sulle loro nozioni e fantasie, e interpretavano la Bibbia prendendo i versetti fuori dal contesto. Questo li ha portati a essere ciechi e a non ottenere alcuna illuminazione da Dio. Non conoscevano l’opera dello Spirito Santo e non comprendevano la verità, né potevano intendere la voce di Dio. Ecco che si avverava quanto scritto nella Bibbia: ‘Voi udrete e non comprenderete; guarderete e non vedrete; perché il cuore di questo popolo si è fatto insensibile: sono diventati duri d’orecchi e hanno chiuso gli occhi’ (Matteo 13:14-15). I pastori e gli anziani negli ambienti religiosi negli ultimi giorni sono come i farisei a quel tempo, perché ciò a cui danno importanza è la conoscenza della Bibbia e la teoria teologica. Si affidano al loro modo di pensare e alle loro fantasie per interpretare la parola del Signore e per delimitare il modo in cui Egli ritornerà. Si aggrappano ostinatamente alle loro nozioni e fantasie, e non cercano affatto la verità. Non solo non esaminano l’opera di Dio negli ultimi giorni, ma Gli resistono e Lo condannano ciecamente, mostrando così la loro testardaggine e la loro natura satanica di arroganza e ostilità alla verità. Studiano teologia, si armano della conoscenza della Bibbia, ma questo non significa che possiedano alcun amore per la verità, né che siano in grado di accettarla e di obbedirle. Sfoggiano la conoscenza della Bibbia e la teoria teologica con l’unico obiettivo di aumentare la loro fama e reputazione. Lo fanno per salvaguardare il loro prestigio e far sì che i credenti li guardino con rispetto, li adorino e li seguano. Sanno che le parole che Dio Onnipotente esprime sono la verità e che sono in grado di conquistare e salvare le persone, e che molte persone che amano la verità e che anelano alla manifestazione di Dio hanno letto la parola di Dio Onnipotente e si sono rivolte a Lui. Essi credono che l’opera di Dio Onnipotente rappresenti una minaccia per il loro prestigio e sostentamento, e così la osteggiano forsennatamente e fanno tutto il possible per condannare Dio Onnipotente e resisterGli. Ricorrono a ogni mezzo necessario per ostacolare e impedire ai credenti di volgersi a Dio Onnipotente in un tentativo di dominare sempre il popolo eletto di Dio. Questa è la causa principale per cui anziani e predicatori non cercano o esaminano l’opera di Dio Onnipotente e Gli resistono e Lo condannano forsennatamente. Dalle azioni malvagie di predicatori e anziani che resistono a Dio si evince che sono i farisei del nostro tempo, nonché gli ostacoli e gli intoppi che impediscono ai credenti di accettare la vera via e di essere innalzati nel Regno dei Cieli. Sono gli anticristo, coloro che resistono a Dio e Lo considerano un nemico, e che sono stati smascherati dall’opera di Dio negli ultimi giorni”.

Dopo aver ascoltato la parola di Dio Onnipotente e la condivisione della sorella, ho fatto un raffronto con quel che il pastore e l’anziano avevano detto e fatto. Ho visto che la parola di Dio Onnipotente era stata espressa in modo molto concreto e che, sebbene il pastore e l’anziano fossero esperti della Bibbia e sapessero interpretarla, questo non significava che avessero qualche conoscenza di Dio. Contavano sul loro talento naturale e sulla conoscenza del loro lavoro per elevare se stessi in modo che gli altri li venerassero e li seguissero. In apparenza, sembrava che stessero servendo Dio, ma in realtà si adoperavano per le loro nozioni e fantasie, il loro prestigio e sostentamento. Grazie ai reiterati tormenti e ostacoli che mi avevano posto il pastore e l’anziano, ero stata in grado di discernere chi fossero realmente. Erano anticristo che credevano in Dio ma non cercavano la verità, che servivano Dio e allo stesso tempo Gli resistevano. Anche se il pastore e l’anziano continuano tuttora a tormentarmi, ho già visto chiaramente la loro vera essenza di anticristo che è ostile a Dio e Gli resiste. Non permetterò più che io sia assillata o controllata da loro, e sono assolutamente certa che l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni sia vera. Desidero seguire Dio Onnipotente sino alla fine, senza mai cedere! E così sia!

Contenuti correlati

  • Il risveglio di uno spirito ingannato

    Nacqui in una piccola cittadina nel nord della Cina. Nel 2010 seguii i miei familiari in Brasile. Lì feci la conoscenza di un amico cristiano. Mi portava in chiesa ad ascoltare i sermoni. Ma, nelle tre occasioni in cui ci andai, non assimilai mai nulla. In seguito, poiché il mio lavoro mi impegnava molto, non tornai in chiesa fino a un giorno del 2015, quando il mio amico mi ci riportò.

  • Trovare la via del ritorno dopo essersi persi

    di Xieli, Usa Avevo sempre desiderato una vita felice con un alto tenore di vita; perciò, andai negli Stati Uniti a lavorare più sodo che potevo. Dopo…

  • Turbamenti causati dalla diceria del “28 maggio” (Parte 2)

    Xingwu, Francia Cercando la verità dei fatti, capii chiaramente perché il PCC tentasse di addossare la colpa alla Chiesa di Dio Onnipotente In seguit…

  • La luce è calda quando si attraversa il tunnel

    di Wang Yuping, Cina Proprio come tutti gli altri fratelli e sorelle che sono assetati del ritorno del Signore Gesù, anch’io desidero, costantemente e…