Chi conosce il cuore materno di Dio?

Di Qingxin, Provincia dello Henan

In passato, non comprendevo l’opera di Dio rivolta a salvare l’umanità. Pensavo che se una persona, assolvendo il proprio dovere, avesse mostrato corruzione o compiuto trasgressioni che danneggiavano l’opera della Chiesa, ne avrebbe pagato le conseguenze, o sarebbe stata sollevata dal proprio incarico o sottoposta a una punizione. A causa di questa prospettiva errata, temevo sempre di commettere errori nel mio lavoro e di essere allontanata o rimandata a casa, perciò escogitai un piccolo “trucco”: ogni volta che facevo qualcosa di sbagliato, facevo del mio meglio perché i leader non venissero a saperlo, e mi affannavo a porvi rimedio di persona e a sistemare ogni cosa. Questo atteggiamento non mi avrebbe forse aiutata a mantenere il mio incarico? Così, ogni volta che consegnavo relazioni sul mio lavoro, minimizzavo i problemi più grandi e, semplicemente, eliminavo quelli più piccoli. Nei periodi in cui ero passiva, facevo del mio meglio per nasconderlo ai leader e per apparire attiva e positiva, terrorizzata all’idea che notassero le mie condizioni anomale e la mia incapacità di svolgere il lavoro, e che mi sollevassero di conseguenza dal mio incarico. È così che diventai molto circospetta e che iniziai a camminare in punta di piedi attorno ai capi e a Dio in tutto ciò che facevo.

Tuttavia, Dio esamina i cuori e le menti delle persone e il mio “trucco perfetto” non sarebbe mai potuto sfuggire ai Suoi occhi. Nella mia esperienza, scoprii che più cercavo di nascondere le cose, più Dio le portava a galla. Ad esempio, ogni volta che provavo a mettere in mostra i miei “talenti” di fronte ai leader, sbagliavo sempre e mi rendevo ridicola. Ogni volta che cercavo di camuffare il mio stato passivo, delle “nuvole scure” affioravano sempre inavvertitamente sul mio volto e i miei fratelli e sorelle se ne accorgevano. Ogni volta che cercavo di nascondere errori o omissioni sul lavoro, i risultati erano come uno specchio che rivelava ogni cosa. Le ripetute occasioni di imbarazzo e di rimorso a causa della mia disonestà mi fecero crollare, ma non valsero ancora a farmi capire la volontà e lo scopo per cui Dio opera in questo modo, né a farmi comprendere come Egli salvi le persone. Non facevo altro che aspettare in modo passivo l’arrivo del giusto giudizio di Dio e l’imminente punizione della Chiesa.

Tuttavia, le cose non andarono come avevo immaginato. Nel mio lavoro, malgrado venissi potata e trattata per non aver svolto correttamente il mio dovere, ricevevo comunque una guida sincera da parte dei fratelli e delle sorelle. Mi spiegavano in cosa consiste operare secondo la propria volontà, cosa significa gestire le cose secondo i principi, che cos’è superficiale, in cosa consiste adempiere lealmente il proprio dovere, e mi permisero di capire che solo agendo secondo i principi della verità e con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza, si può adempiere correttamente al proprio dovere. Per quanto riguarda l’entrata nella vita, molte volte fui preda di pensieri malvagi di cui non riuscivo a liberarmi e che lasciavano il mio cuore agonizzante. Desideravo aprire il mio cuore, cercare qualcuno con cui condividere, ma ero troppo imbarazzata per parlarne. Ciò mi portò a cadere nell’oscurità e a perdere l’opera dello Spirito Santo. Ma dopo aver rischiato tutto e aver portato tutto alla luce, vidi che i fratelli e le sorelle non solo non si prendevano gioco di me o mi guardavano dall’alto in basso, ma mi aiutavano e consigliavano, permettendomi di vivere nella luce e aiutandomi a trovare un percorso di pratica e a ottenere il potere per sconfiggere il peccato. In seguito, vidi che quando alcuni fratelli e sorelle intorno a me facevano qualcosa di sbagliato o mostravano la propria corruzione, la Chiesa non li rimandava a casa. Al contrario, faceva del suo meglio per condividere con loro e sostenerli, dando loro svariate possibilità. Anche se alcune persone, alla fine, vennero rimandate a casa, fu solo perché erano prive di buona umanità, e interrompevano e interferivano con il lavoro della Chiesa, non riuscendo a svolgere un ruolo positivo. Si erano sempre arrabattate nel loro dovere, non avevano ottenuto alcun risultato pratico e si erano rifiutate di pentirsi anche dopo essere state potate, trattate e aver preso parte a condivisioni per molte volte. Ma anche a queste persone, se dopo un certo periodo di tempo si dimostrano davvero in grado di riflettere, di conoscere se stesse e cambiare, la Chiesa darà ancora l’opportunità di svolgere un compito e preparare buone azioni. Questi fatti mi fecero capire che l’atteggiamento di Dio verso di noi è proprio come quello dei genitori nei confronti del loro figliol prodigo che è tornato e che trattano con un amore e un affetto senza eguali. Mi fecero anche capire che l’opera che Dio compie è quella di purificare, cambiare e perfezionare le persone. Solo allora mi resi conto che se Dio tratta le persone con misericordia e amore, o se le tratta con giustizia, maestà e ira, lo fa solo per salvare l’umanità nella misura più ampia possibile. In tutto c’è l’amore illimitato di Dio e la salvezza per l’umanità ed è tutto determinato dalla Sua essenza. Riflettendo sulla volontà di Dio, pensai a coloro che erano stati denunciati, rimpiazzati o rimandati a casa; fu solo in quelle circostanze di denuncia o allontanamento che avevano iniziato a riflettere su se stessi, a vedere chiaramente la verità della loro corruzione da parte di Satana, a prostrarsi davanti a Dio e a pentirsi sinceramente. Senza quel tipo di fallimento, probabilmente avrebbero continuato a vagare alla cieca lungo quel cammino. È chiaro che l’opera che Dio compie veramente è quella di salvare l’umanità e contiene il Suo amore e le Sue buone intenzioni per l’uomo. In passato non capivo veramente la Sua opera di salvezza; la mia comprensione di Dio era assolutamente parziale.

In quel momento, mi è venuto in mente un passo delle parole di Dio: “Qual è l’essenza di Cristo? Per gli esseri umani, l’essenza di Cristo è l’amore; per coloro che Lo seguono, questo amore è sconfinato. Se Egli non avesse amore o misericordia, l’uomo non Lo starebbe ancora seguendo. Alcuni affermano: “Che ne penso della giustizia di Dio?” Egli ha sicuramente anche giustizia, ma dal punto di vista della Sua indole, la Sua giustizia disprezza la corruzione umana e il male. Cosa succederebbe se Egli avesse solo giustizia ma non amore e se il Suo amore fosse inferiore alla Sua giustizia? Si potrebbe dire, allora, che per l’umanità sarebbe tutto finito. Di conseguenza, Io vi parlo francamente: nell’opera che Dio svolge per l’umanità mentre è incarnato, la Sua essenza più evidente e manifesta è amore; è tolleranza infinita. Voi immaginate: “Se Egli intende colpire qualcuno, lo farà, e se Egli odia qualcuno, punirà, maledirà, giudicherà e castigherà quella persona; è così severo! Se è adirato con le persone, queste tremeranno dalla paura e saranno incapaci di stare dinanzi a Lui”. Eppure non è vero; è solo un modo in cui si esprime l’indole di Dio. Alla fine il Suo obiettivo è comunque la salvezza. Il Suo amore è presente in tutte le manifestazioni della Sua indole. Rifletti su questo: mentre opera nella carne, la cosa che Egli rivela maggiormente alle persone è l’amore. Allora cos’è la pazienza? È avere pietà a causa dell’amore in essa presente, e il Suo scopo è ancora salvare le persone. Dio ha misericordia dell’uomo solamente per via dell’amore. È come i coniugi profondamente innamorati, che non guardano i difetti e le debolezze dell’altro e sanno essere pazienti quando l’altra persona ti fa arrabbiare. Tutto è costruito sulle fondamenta dell’amore. Se fossero detestabili, il loro atteggiamento sarebbe diverso e anche la loro espressione. Se Dio avesse soltanto odio e collera, e infliggesse soltanto giudizio e castigo, senza alcun amore in essi, allora la situazione non sarebbe come la vedete oggi e la catastrofe si abbatterebbe su di voi. Egli vi metterebbe ancora a disposizione la verità?” (“Il vero amore di Dio per l’umanità” in “Registrazione dei discorsi di Cristo”). Quando avevo letto questo brano in passato, sebbene a parole riconoscessi l’amore di Dio per l’umanità, non l’avevo mai veramente compreso e avevo sempre nutrito sfiducia e diffidenza nei confronti di Dio. Solo ora ho un po’ di comprensione reale di queste parole e posso apprezzare quanto siano vere. Leggendo tra le righe, sento che il passo è pieno del profondo affetto di Dio per l’umanità, del Suo sincero sostegno, supporto e della Sua guida per noi, ed è particolarmente intriso del Suo amore più sincero e genuino per noi.

A quel punto, sono sorti nel mio cuore profondi sensi di colpa verso Dio e mi sono presentata dinanzi a Lui per pentirmi: “Oh Dio! Ti ho seguito per tanti anni e, nonostante la mia fede in Te, non Ti ho mai conosciuto. Sono stata così cieca e assurda, fraintendendo il tuo cuore materno e ripagandoTi solo con delle offese. Sono davvero indegna di presentarmi dinanzi a Te e ancor più indegna della Tua salvezza! Tuttavia il modo in cui mi hai trattata non è stato forgiato sulla mia disobbedienza. Al contrario, hai usato i fatti per guidarmi passo dopo passo affinché capissi la Tua volontà, conoscessi la Tua opera di salvezza ed eliminassi le mie incomprensioni. Oh Dio! Ho visto la Tua bellezza e gentilezza e ho sperimentato la praticità della Tua parola – Tu sei giusto e Tu sei amore! D’ora in poi, voglio conoscere di più la Tua grazia attraverso la Tua parola e attraverso la vita reale, e sforzarmi di essere una persona onesta per compiere con lealtà il mio dovere di ripagare il Tuo grande amore!”

Contenuti correlati

  • Prove e patimenti – le benedizioni dell’essere favoriti

    Sono un agricoltore e poiché la mia famiglia è povera, ho sempre dovuto viaggiare ovunque per trovare un lavoro temporaneo e guadagnare soldi. Pensavo che avrei potuto vivere bene con il mio lavoro fisico. Tuttavia, in realtà, vidi che non c’erano garanzie per i diritti legali dei lavoratori migranti come me;

  • Le parole di Dio eliminarono le mie nozioni

    Ancora di più, Dio usa queste difficoltà per rivelare che la mia visione manca di verità, che la mia natura è troppo pigra, timida, ignorante e maliziosa, e che attraverso la mia sofferenza, i miei sforzi, e la cooperazione con Dio, Lui ci donerà discernimento, sicurezza, amore, saggezza e coraggio, e ancora di più ci darà la verità dell’opera di Dio, completandoci quindi, guadagnandoci. L’opera di Dio è veramente così saggia, così meravigliosa!

  • Mettersi sul cammino della fede in Dio

    Ho bisogno di metterci un maggiore impegno. Così, quando la casa di Dio mi dette da trascrivere dei documenti, reagii in modo attivo. Non ebbi paura delle difficoltà e decisi di non trovare un partner o un lavoro, così da meritarmi la benedizione di essere un primogenito.

  • Lo Spirito Santo opera secondo dei principi

    Per un certo tempo, anche se non avevo smesso di nutrirmi e dissetarmi della parola di Dio, non avevo mai percepito la luce. Avevo pregato Dio per questo ma, ciononostante, non ero stata ancora illuminata. Così ho pensato: “Mi sono nutrita e dissetata con quello che dovevo e Dio non mi illumina. Non posso farci niente, non ho la facoltà di ricevere la parola di Dio. Dio illumina ogni persona a Suo tempo, perciò è inutile cercare di affrettare le cose”. Poi ho continuato a seguire le regole e a nutrirmi e dissetarmi della parola di Dio senza ansia, attendendo “pazientemente” che Egli mi illuminasse.